LA FELICITA’ A 6,5 EURO

LAMBRUSCO DI SORBARA DEL PODERE IL SALICETO

Questo vino io l’ho comperato alla Mostra-mercato dei vignaioli della FIVI fatta a Trento sabato 21.E’ un Lambrusco di Sorbara DOC Falistra (che significa Scintilla), non filtrato raccolto a mano. 12 gradi.

Uno degli obiettivi che provo sempre a raggiungere è di trovare un vino di qualsiasi tipo (bianco o rosso xe istesso) che mi soddisfi molto ad un prezzo sotto i 10 €.

Questo l’ho pagato 6,5 €uro alla mostra e debbo dire che sono rimasto veramente stupefatto.

Per cominciare dimenticatevi quei lambruschi rossi cupi e dolciastri che trovate al supermercato e pagate due euro. Sono bevande piacevoli ed anche divertenti ma è difficile pensarli come vini.

Questo invece è un vino vero, a tutto tondo ed anche buono. Per farvi un’idea di cosa sia il lambrusco di sorbara potete vedere qui.

Il colore è quello scarico del lambrusco di questo tipo, dire scarico è anche troppo, immaginatevi un rosato. Un rosato assolutamente aperitiveggiante, con una particolarità: è di un aspetto velato che inganna; io per esempio ho provato a strofinare lievemente il bicchiere perchè, avendolo servito fresco, mi sembrava riempito di condensa all’esterno, come succede talvolta. Invece no, era proprio velato, del resto in etichetta si dichiara che è un vino non filtrato.

L’altro aspetto che colpisce tantissimo è che è molto sapido, direi quasi salato. Insomma si presenta come un vinello rosatello, ed invece è un vino di carattere e personalità, senza quell’allegria forzosa dei lambruschi che sembrano delle coca cole alcoliche. Il produttore, Gian Paolo che ho conosciuto personalmente è che mi è sembrato veramente la gioia di vivere, mi ha raccontato che non riesce a condurre la vigna con metodi biologici ma usa metodi rispettosi della terra. (ho corretto qui una parte che avevo compreso male: il Gian Paolo spiega meglio nel suo commento cosa intende). Probabilmente questo si riflette sul prezzo.

Ciò non toglie che mi ha fatto un bel discorso molto sensato sulla produzione biologica/biodinamica, che io ho condiviso in pieno.

Fatto sta che con questa mia bottiglia di Falistra ho stupito tutti i miei commensali, uomini e donne. Un vino fresco e di sostanza, accattivante ma senza piacionerie,  si desidera berne molto.

E soprattutto pagato 6,5 €, inquadrando alla perfezione uno dei bersagli della FIBESS.

Questa è una cosa su cui anche i Trentini dovrebbero imparare possibile che tutti i nostri vini buoni costino sempre più di 10 €?.

Una fortuna averlo assaggiato.

Un saluto dal vostro Primo Oratore

Annunci

5 commenti on “LA FELICITA’ A 6,5 EURO”

  1. gian paolo ha detto:

    ciao grazie per la citazione e sono contento che ti sia piaciuto ma il vino lo hai pagato 6.5€ ..:) giusto per essere corretti. ciao e alla prossima GP

  2. gian paolo ha detto:

    Scusami se sono pesante …ma anche “mi ha raccontato che non riesce a condurre la vigna con metodi biologici perchè fare tutto a mano è impossibile e quando troppe piogge fanno crescere troppa erba non c’è rimedio e si deve trovare un metodo alternativo che tirarla via a mano.”non è proprio così il nostro succo del discorso 🙂 .per essere più completi è che con l’umiditàe le condizioni difficili della nostra terra proviamo a fare una lotta integrata,che di per se non vuole dire niente . ma quello che proviamo a fare noi è essere dei bravi contadini rispettosi della nostra terra -e anche della nostra salute e di chi ci sta intorno-.per cui l’erba centra poco ,ma l’aspetto principale come parlavamo alla fiera è la difesa nei riguardi di peronospera e oidio-poco quest’ultimo-.Se vorrai approfondire la questione non c’è problema siamo qua con bottiglie in mano che ti aspettiamo a Campogalliano. Ciao e grazie ancora GP

  3. Primo Oratore ha detto:

    Ciao Gian paolo: quello che ho scritto intendeva essere un apprezzamento. Il vino fra l’altro mi è proprio piaciuto molto

    Ho corretto, perchè è giusto, quello che tu mi hai cortesemente precisato nel tuo commento.

    Così dovrebbe andare meglio. Ti ringrazio molto per la tua attenzione.

    Personalmente non sono affatto innamorato dei vini biologici, anzi ho un atteggiamento molto perplesso.

  4. gian paolo ha detto:

    Giorgio grazie ancora ,la mia non voleva essere una critica…scusami ma quando scrivo non sono proprio bravo ,a scuola andavo benissimo in matematica ,e non vorrei che tu l’avessi presa male 🙂 .ciao gp

  5. Primo Oratore ha detto:

    Ma no, non me la sono affatto presa. Anche perchè una precisazione, fra l’altro giusta, non è una critica, ma fa solo bene.
    ciao, PO