INTRODUZIONE AD UNA TRILOGIA SUL MONDO DEL VINO

IL PERCHE’ DI UNA TRILOGIA (MINORE)

Una terminologia condivisa è un presupposto per potersi capire.

Nel campo de vino al contrario vi è in generale una grossissima confusione terminologica, specialmente fra i non addetti ai lavori, ed in particolare, quantomeno per i miei interessi,  confusione speciale su tre tematiche centrali che sono:

cosa si intende, o si può intendere, per autoctono

cosa si intende, o si può intendere, per vino naturale o biologico

cosa si intende, o si può intendere, per vino.

La terminologia è imprecisa in quanto,  in un settore atecnico e fondamentalmente pratico come è l’agricoltura e la viticoltura nonchè, a questi fini, l’enologia, si intersecano tantissime discipline, oltre all’agricoltura ed alla chimica e fisica, ci sono il marketing, la produzione industriale, e la promozione territoriale/turistica e ciascuna ha il suo ruolo sia nel determinare che rendere indeterminato un concetto.

Per ognuno degli argomenti (autoctono, biologico, e vino) intendo scrivere un breve post, che quindi collegati faranno una trilogia.

Ho scelto la forma della trilogia in onore del mio nick name, Primo Oratore (Preem Palver)

Mi preoccupa un po’ il confronto. Già il genere della trilogia è un genere impegnativo, e vi sono trilogie di grandezza e maestosità entusiasmanti: per esempio: Il Signore degli Anelli (di Tolkien), la Trilogia della Città di K (di Agota Kristof), la Trilogia dei colori o della Bandiera Francese (di Kristof Kieslowski).

Meno impattanti, secondo i miei gusti ci sono la Trilogia della Frontiera (di  Cormac McCarthy); le due Trilogie di Guerre stellari; le Tre madri di (Dario Argento), Matrix (dei Wachowski), che però, almeno con il primo episodio potrebbe stare tranquillamente nel novero dei migliori.

Insomma di fronte a tali esempi è evidente che sarebbe meglio rimettere subito nel cassetto la tentazione di scrivere una mini trilogia di tre post sul vino, ma tutto sommato, come divertissement si può sempre provare no?

La trilogia a cui fa riferimento il mio nick name  è la splendida Trilogia della Fondazione  uno dei maggiori successi della letteratura di fantascienza.

Con tutta la modestia del caso è giunto dunque il momento anche per me. Nei prossimi post si farà strada una piccola trilogia.

Mi piacerebbe, così, sapere i gusti in tema di trilogie di chi legge questo blog .

Un saluto dal vostro contadino semplice, grassotto e gioviale.

Annunci

One Comment on “INTRODUZIONE AD UNA TRILOGIA SUL MONDO DEL VINO”

  1. … banale e scontato…. ma la mia trilogia preferita… è quella calviniana…. : visconte dimezzato, cavaliere inesistente…e naturalmente barone rampante…. (scontato vero?)
    Ps: attendo con impazienza di leggere la tua trilogia, davvero!